Come usare NetMeeting

All’interno di Internet Explorer e integrato in Windows98 si cela Netmeeting, un software completo per la videoconferenza. Se si sta usando Windows 95 con Internet Explorer 4.0 o successivo oppure Windows 98, nel menù di Internet Explorer ci dovrebbe 1’icona di Netmeeting, il programma Microsoft per la videoconferenza Per avviarlo è sufficiente selezionarlo dal menu e prepararsi a eseguire la configurazione. La prima maschera illustra i vantaggi che possono derivare dall’uso di Netmeeting. Procedendo con il pulsante avanti si arriva a una maschera per la connessione agli elenchi in linea. In sostanza il sistema chiede se all’apertura di Netmeeting il computer si dovrà collegare a uno di questi server. Collegarsi al server offre una doppia possibilità: in primo luogo è possibile vedere altri utenti collegati in quel momento ed eventualmente stabilire un contatto con loro; in secondo luogo permette agli altri utenti di vedere il proprio nome ed eventualmente instaurare a loro volta un contatto. In ogni caso, anche se non si selezionasse l’opzione, è possibile in ogni momento collegarsi agli elenchi per contattare altre persone. Nell’esempio si supponga di lasciare selezionata l’opzione (connetti a un server…), che è peraltro l’impostazione predefinita. Procedendo nella configurazione vengono chieste le proprie generalità. Si noti che molte di queste informazioni (per esempio il nome, 1’indirizzo di posta elettronica e i commenti) vengono visualizzate e rese pubbliche a tutti gli utenti. Se quindi per motivi di riservatezza non potete comparire con i vostri dati, potete usare uno pseudonimo. Una volta inserite le informazioni e possibile proseguire. Si arriva quindi a configurare il tipo di connessione, o meglio, il tipo di argomenti che si desidera vengano resi pubblici quando ci si connette a un server con Netmeeting. Successivamente si cominciano a impostare i parametri relativi alla propria postazione. In primo luogo viene chiesto il tipo di connessione: a seconda del tipo di velocità è possibile impostare, per esempio, una maggiore o minore qualità delle immagini video. In questa circostanza è necessario selezionare il proprio tipo di connessione per poter tarare al meglio il sistema. Successivamente vengono analizzate le caratteristiche multimediali del sistema e a seconda dei dispositivi rilevati 1’installazione può portare a diversi risultati. Se sul computer non è installata una scheda audio (Netmeeting può in ogni caso essere usato per comunicare in tempo reale scrivendo a un corrispondente) il programma mostrerà un messaggio nel quale viene dichiarato dell’assenza di una scheda audio. Se, invece, si dispone di una scheda adatta, 1’utente verrà informato dell’esecuzione di una serie di test per tarare il sistema. Dapprima verrà provata la regolazione del volume attraverso la riproduzione di un file audio. Successivamente verrà provato il volume di registrazione (si registra la propria voce e si regola il volume agendo con il mouse su un potenziometro). Completata questa fase si è pronti per l’uso vero e proprio del programma. La procedura di configurazione è necessaria solo quando si usa Netmeeting la prima volta, tutte le volte successive i parametri sono stati memorizzati e il programma li richiamerà automaticamente.

Come utilizzarlo
All’avvio di Netmeeting viene visualizzata la finestra principale. Se si era impostata 1’opzione per la connessione automatica agli elenchi in linea, il programma cercherà di raggiungere il server in questione. Nel caso in cui il tentativo fallisse, verrà visualizzata una finestra di dialogo che informa del problema. Se la connessione al server fallisce è sempre possibile indicare un altro server selezionandolo dall’elenco o inserendolo manualmente. Quando la connessione a un server riesce, nella finestra principale viene visualizzato un elenco di persone che sono collegate a quel particolare server. Viene visualizzato il nome della persona, il cognome e altre informazioni. Inoltre, vengono visualizzate icone autoesplicative a indicare se l’utente in questione dispone di scheda audio e/o di telecamera. Per chiamare un utente è sufficiente fare doppio click sul nominativo prescelto e attendere che questo venga chiamato. In alternativa all’uso di elenchi di server è possibile chiamare direttamente un utente particolare e colloquiare con lui. Ciò è possibile se entrambi gli interlocutori conoscono gli indirizzi IP dei propri Pc. Ciò può avvenire in due circostanze. In primo luogo se si dispone di una linea dedicata con il provider, a ciascun computer viene associato un indirizzo IP fisso. In secondo luogo, se si è connessi a Internet con un modem, è possibile che gli interlocutori controllino l’indirizzo IP che il provider gli ha assegnato (con 1’utility Winipcfg) se lo comunichino per telefono o via e-mail e quindi si menano in contatto direttamente. Se quindi si conosce l’indirizzo IP del destinatario è possibile effettuare una chiamata diretta con il menu CHIAMA/NUOVA CHIAMATA: verrà visualizzata la finestra di chiamata. In questa finestra è possibile inserire l’indirizzo IP del destinatario e premere il pulsante CHIAMA. Sul computer del destinatario verrà visualizzata una finestra che indica che un utente ha chiamato. Se 1’utente chiamato dispone di una scheda audio questi sentirà anche un trillo simile a uno squillo telefonico. Per accettare la chiamata, il destinatario non dovrà fare altro che premere ml pulsante ACCETTA. A questo punto le persone che partecipano alla conversazione vengono visualizzate sullo schermo (se entrambe hanno la telecamera possono vedersi in tempo reale). Premendo il pulsante CONVERSAZIONE sulla barra degli strumenti si apre una piccola lavagna che permette agli utenti di scriversi e rispondersi in tempo reale. A questo punto alla conversazione potrebbero aggiungersi altri utenti e si potrebbe fare una riunione vera e propria. I messaggi, è importante sottolinearlo, possono essere indirizzati a singoli utenti oppure indistintamente a tutti quelli che partecipano alla discussione. Con Netmeeting, però non solo è possibile scambiarsi messaggi e immagini in movimento, ma è possibile anche trasferire file da un computer all’altro, in tempo reale. Per rendere possibile questa operazione, chi invia i file deve scegliere il menu STRUMENTI, quindi scegliere TRASFERIMENTI Dl FILE e quindi il comando INVIA I FILE. Naturalmente i file occupano molta banda, quindi è sempre preferibile inviare file compressi, come avviene per la posta elettronica. Altro punto forte di Netmeeting è la possibilità di cooperare a uno stesso lavoro. E’ infatti possibile lavorare sulla stessa lavagna, come se si tracciassero insieme segni o grafici su una lavagna all’interno di un’aula o di una sala riunioni. Inoltre è possibile condividere le applicazioni che risiedono sul proprio computer con gli utenti remoti. Per lavorare sulla stessa lavagna, per esempio per prendere appunti, è sufficiente premere il corrispondente pulsante sulla barra degli strumenti. La lavagna si presenta come la finestra del programma Paint, ma ha il vantaggio di poter essere impiegata contemporaneamente da più utenti. In riunioni di lavoro può essere utile per condividere esempi o schizzi anche con persone fisicamente distanti. E’ chiaro che la velocità di modifica delle informazioni dipende esclusivamente dalla qualità della connessione. Per condividere un’applicazione con altri utenti, occorre aprire 1’applicazione, quindi specificare da Netmeeting che si desidera condividerla. L’applicazione verrà eseguita sui computer degli altri partecipanti alla discussione, i quali non potranno tuttavia utilizzarne le funzionalità. Questo tipo di condivisione è utile per scopi dimostrativi. Se in seguito si decide di autorizzare il controllo dell’applicazione, tutti i partecipanti alla discussione che hanno specificato di voler collaborare potranno a turno assumerne il controllo. E’ possibile salvare o stampare il lavoro svolto durante l’esecuzione dell’applicazione solamente dal computer dell’utente che ha impostato la condivisione. Per ottenere una copia del documento creato dopo che è stato autorizzato il controllo dell’applicazione, è necessario che 1’utente che ha impostato la condivisione invii il file agli altri partecipanti alla discussione. La condivisione di applicazioni potrebbe servire per lavorare contemporaneamente su un documento o per sessioni di training distribuito in rete.

Altri consigli
Con un po’ di pratica non è difficile imparare a usare sia Netmeeting sia gli altri programmi di videoconferenza. Ecco comunque alcuni accorgimenti che possono esservi utili per trarre il meglio da questo programma. Si supponga che si stia lavorando al Pc con un’altra persona e non si voglia essere interrotti da chiamate in arrivo (se si dispone di una scheda audio, questa squillerà come un telefono al1’arrivo di una chiamata). Ebbene, è possibile impostare Netmeeting per disattivare le chiamate. E’ sufficiente selezionare il menu CHIAMA e selezionare il comando NON DISTURBARE. Per riabilitare le chiamate è necessario disattivare questa impostazione. Se di dispone di una linea verso Internet di bassa qualità è possibile che le immagini siano davvero troppo lente. E’ allora preferibile in questi casi rinunciare alla qualità video a favore di un collegamento più veloce. I parametri per la qualità video possono essere impostati scegliendo il comando STRUMENTI/OPZIONI e scegliendo quindi le opzioni per il video con un pratico controllo a trascinamento. Infine, sempre nella stessa finestra di dialogo, ma nella sezione GENERALE, è possibile impostare i parametri per la propria connessione a Internet, in maniera che il sistema venga ottimizzato per la velocità di banda specificata.